#languagebarriers

Trasferta in Repubblica Ceca per una settimana. Il mio nuovo capo non parla Inglese, io non parlo Ceco, lui mi dice qualcosa in tedesco (che io capisco poco), io gli rispondo in spagnolo (che lui capisce molto poco). Allora io vado in palla e mi escono solo parole in Italiano, lui mi guarda con sguardo vacuo. Poi prende il telefono e chiede a Siri di tradurre, ma lei caccia fuori frasi senza senso. Lui si scusa (forse) e dice che coi cinesi funzionava. Alla fine tacciamo e ci osserviamo, e i nostri sguardi dicono “dai concentrati, che magari ora risolviamo il problema sviluppando la telepatia”.

Continue Reading